YouInHerit

YouInHerit: Il sogno giovane per la vecchia Europa

 

Il progetto “YouInHerit” ha come obiettivo il “coinvolgimento dei giovani per la valorizzazione innovativa ed il rilancio dei mestieri e dell’artigianato come patrimonio culturale, finalizzato a migliorare l’attrattiva e la competitività delle regioni urbane in un’età dinamica”, ed è co-finanziato dal Programma Interreg Central Europe. Venezia, grazie al know-how di Marco Polo System, si concentra sui mestieri legati alla cantieristica tradizionale nel contesto veneziano e lagunare. Alla chiara fascinazione storica si aggiungono istanze di bellezza e sapienza materiale, al fine di generare innovazione e occupazione, grazie anche alla “messa in rete” tra i differenti partner. YouInHerit persegue l’obiettivo complessivo del programma operativo di quest’area di “cooperare oltre i confini per rendere le città e le regioni dell’Europa Centrale un luogo migliore per vivere e lavorare”. Oltre all’Italia, partecipano Ungheria, capofila, Croazia, Polonia e Slovenia. Il progetto si estende da maggio 2016 a maggio 2019.

Marco Polo System e il progetto Interreg Central Europe YouInHerit

Il Gruppo Europeo Marco Polo System ha messo in campo un lavoro triennale multiforme e diversificato, focalizzandosi con precisione e attenzione sui temi del progetto: mestieri tradizionali e coinvolgimento dinamico dei giovani. Il Training meeting on action planning – il maggiore di tutto il progetto, la pubblicazione del manuale Elementi di Tecnica Navale e il relativo incontro di presentazione interattivo presso l’istituto nautico Cini, la creazione del Manifesto per la valorizzazione reciproca dei mestieri tradizionali e dei giovani: questi sono gli episodi di maggiore richiamo, che si inseriscono in lavoro continuo sul territorio. YouInHerit ha significato per tre anni studio attento dello status quo, realizzato sia col contatto diretto con giovani, stakeholders e istituzioni, sia attraverso l’analisi del contesto legislativo; ripetuti incontri bi e multi-laterali con scuole, artigiani e istituzione; ricerca approfondita di metodi inclusivi per coinvolgere i giovani, diffondere al massimo l’immagine e le istanze del progetto, intervenire concretamente sulla salvaguardia e promozione dei mestieri tradizionali legati alla cantieristica tradizionale e navigazione tra Venezia e la sua laguna.

Il Manifesto Europeo, le sinergie con le scuole, il lavoro sul territorio

Un Manifesto europeo con radici profondissime in laguna, il “Manifesto per la valorizzazione reciproca dei mestieri tradizionali e dei giovani” è frutto di una profonda analisi del contesto legislativo unita al rapporto diretto coi protagonisti che popolano il mondo degli antichi mestieri legati alla cantieristica e alla navigazione nel microcosmo veneziano. Tutto nasce dalla presa di coscienza di un’unicità e dei rischi a cui essa è esposta. Quel “sapere artigiano”, quell’universo di conoscenze e tecniche che viene tramandato da secoli tra carpentieri, maestri d’ascia e calafati sta vivendo un momento particolarmente critico, causato dalla perdita di attrattiva di questi mestieri, dalla condizione stessa della città che ne ospita maestranze e scuole dedicate – problematiche legate alla residenzialità, spopolamento, difficoltà d’inserimento. Marco Polo System, gruppo europeo che da vent’anni opera nel settore della tutela e valorizzazione del patrimonio storico-culturale su scala internazionale, ha promosso la nascita del Manifesto Europeo – nella cornice delle azioni del progetto YouInHerit, nel programma Interreg Central Europe – col doppio fine tanto di sensibilizzare sullo stato dell’arte, quanto, soprattutto di stabilire delle linee programmatiche precise per il futuro, coinvolgendo istituzioni, artigiani, professori, associazioni di categoria e, soprattutto, i giovani, a stretto contatto studenti e docenti dell’Istituto tecnico-navale Cini di Venezia e con istituti omologhi sparsi in tutta Italia, da Gaeta a Messina. Tra i pilastri che delineano i principi del Manifesto, troviamo la convinta affermazione che “la salvaguardia e la valorizzazione dei mestieri tradizionali rappresentano un elemento centrale per la sopravvivenza stessa della sostanza culturale delle comunità”, così come tra gli obiettivi / raccomandazioni che il testo promuove si distinguono “il supporto alle attività di salvaguardia (materiale) e trasmissione (immateriale) del sapere artigiano in quanto elemento essenziale della comunità patrimoniale e del patrimonio culturale (…), la creazione di strategie di lungo termine dedicate alla salvaguardia e valorizzazione dei mestieri tradizionali legati alla navigazione e alla cantieristica tradizionale (…), la promozione di un network delle scuole e degli istituti nautici, riconosciuto come iniziativa europea attraverso il progetto YouInHerit, con Venezia come luogo simbolico della specificità e allo stesso tempo della necessità di dialogo e scambio tra esperienze e tradizioni, con l’obiettivo di salvaguardare, rivitalizzare, tramandare e trasferire tali saperi, conoscenze e pratiche alle nuove generazioni”. La novità non sta tanto nello strumento – sono numerosi gli esempi di protocolli, dichiarazioni, memorandum legati all’artigianalità –, quanto nell’uso che ne viene fatto e, soprattutto, nell’approccio: “Abbiamo voluto coinvolgere tutti i componenti della vita materiale dell’artigianato legato alla cantieristica e alle imbarcazioni tradizionali – commenta Pietrangelo Pettenò, fondatore e amministratore unico di Marco Polo Systemconfrontandoli, e confrontandoci, con più di vent’anni di legislazione in materia. Il fine non è di produrre un’ulteriore panoramica su un patrimonio in pericolo, ma di attivare la comunità e farla comunicare con le istituzioni, dando un’attenzione particolare ai giovani e agli artigiani stessi. Il Manifesto Europeo per i mestieri tradizionali e i giovani è una bussola per il futuro, costruita coi materiali antichi del sapere tradizionale”. Il Manifesto si concretizza al culmine di quasi tre anni di ricerche e incontri “sul campo”, condotti da Marco Polo System in continuo dialogo e collaborazione con numerosi esponenti del settore, dall’Istituto Tecnico-Navale Cini di Venezia, dove è stato svolto un partecipato evento legato alla presentazione del Manuale di Tecnica Navale, strumento utile e necessario per la formazione specifica dei giovani in questo tipo di artigianato, alla Società di Mutuo Soccorso per Carpentieri e Calafati, dal Cantiere Crea in Giudecca al Cantiere Agostino Amadi di Burano fino alla Certosa–Vento di Venezia e allo Squero Roggio a Mestre, già protagonisti, nel maggio 2017, di quello che è stato il più imponente tra i meeting del progetto YouInHerit. Nell’occasione, lo Squero Roggio, situato lungo il canal Salso, a ridosso del centro di Mestre, è stato oggetto di un importante intervento, che ha gettato le basi per la sua auspicata riqualificazione.

Il Manuale di Tecnica Navale, curato dal professore e capitano superiore di macchina Guglielmo Zanelli, nasce dalla presa di coscienza di una lacuna e dalla piena volontà di colmarla. Resosi conto della mancanza di un testo adatto alla preparazione degli allievi, Zanelli iniziò a preparare di anno in anno apposite dispense, che oggi trovano armonia e forma di libro nel Manuale, in modo da coadiuvare con efficacia la formazione degli studenti del corso di Istruzione e Formazione Professionale per Operatore del montaggio, presso l’Istituto Vendramin-Cini-Venier di Venezia. Come ricorda lo stesso professor Zanelli nell’introduzione, “l’aver percepito la necessità di un manuale di navigazione si colloca nella serie di iniziative che la Marco Polo System e il suo amministratore stanno portando avanti per affermare la centralità delle tradizioni veneziane nel contesto europeo”.

Continuità

Principi e azioni sviluppate durante il progetto proseguiranno grazie alla riproducibilità di strumenti come il Manifesto. Allo stesso modo esperienze, scambi e trasferimenti di conoscenze avviati grazie alla propulsione di Marco Polo System nel contesto veneziano legato a imbarcazioni e cantieristica tradizionale, così come il coinvolgimento e il supporto ai giovani – temi che il GEIE segue e promuove da più di 20 anni – daranno nuova forza alla salvaguardia del settore.

  • Squero Cantiere Crea, Venezia – Isola della Giudecca

YouInHerit MarcoPolo System logo


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *